Siamo l’unica forza politica che dice no alla guerra e lo diciamo per due ordini di ragioni entrambi fondamentali. Primo, perché siamo da sempre pacifisti, siamo contro lo strumento della guerra, di tutte le guerre, per risolvere i conflitti internazionali e vogliamo un ritrovato ruolo diplomatico per l’Italia. Il secondo motivo riguarda le nostre bollette, la possibilità di continuare a produrre beni e servizi, il nostro riscaldamento per quest’inverno. L’energia per le aziende.

Il governo Draghi sta mentendo sulla sostituzione del gas russo (lo hanno denunciato Antonio Rizzo e Alberto Clò nelle pagine del Fatto Quotidiano – link nei commenti). Non c’è un piano di razionamento e i prezzi sono alle stelle. Purtroppo la verità è che, senza il gas russo di cui l’Italia – per scelte di governi e interessi passati – ha fatto largamente uso, rischiamo di dover affrontare un autunno e inverno molto problematici.

La priorità di Unione Popolare è una transizione energetica e produttiva, ma sappiamo anche che questa non avviene dall’oggi al domani proprio perchè i governi che si sono succeduti non hanno mai messo questa transizione come priorità. Sappiamo che bisogna accompagnare in modo serio la transizione energetica, ma forse è il caso di smetterla di dir bugie agli italiani: il piano italiano per il razionamento energetico è molto, molto indietro. Di gas non c’è offerta al momento e quella che c’è comporta e comporterá bollette più alte. Ad esempio perchè la costruzione di rigassificatori per convertire il gas americano è costosa e inquinante. Vale come prezzo per continuare la guerra? Secondo noi no.

Unione popolare propone – nel breve termine – un tetto al prezzo del gas accompagnato da aiuti alle famiglie e alle aziende finanziati con la tassazione al 90% degli extraprofitti delle aziende energetiche. Nel medio periodo proponiamo di investire in modo massiccio nelle energie rinnovabili, che possano costituire il vero paradigma della nostra transizione per famiglie e aziende. Non succede dall’oggi al domani, ma qualcuno dovrà pur iniziare.

#UnionePopolare #elezionipolitiche2022 #DeMagistris

Luigi De Magistris Unione Popolare

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy