Dire che il nuovo leader della sinistra è Pisapia è una doppia contraddizione. In primo luogo, Pisapia è “leader” come Povia è il nuovo Robert Plant. Ha il carisma dei battipanni in saldo. In second’ordine, sempre ammesso che la sinistra in Italia esista ancora, di sicuro non coincide con Pisapia o derivati. Leggo che i bersaniani sono inviperiti per il feeling di Pisapia con la Boschi: sai che scoperta. Pisapia era e resta lo specchietto per le allodole del renzismo: un accalappiatore di voti di elettori di sinistra (o giù di lì), infastiditi ma non troppo da Renzi, che tramite Pisapia verrebbero poi ricondotti a Renzi.

Continua…

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/23/il-grande-bluff-chiamato-pisapia/3748684/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy