Non solo la politica: sono stati gli italiani come popolo a decidere di diventare una brutta copia degli Stati Uniti, ad accoglierne le catene commerciali, lo stile di vita, i modelli di comportamento, l’ossessione per le novità

Siamo la brutta copia degli Stati Uniti

Di Francesco Erspamer*

Cito dalla «Storia della prima Repubblica» di Aurelio Lepre, uscita nel 1993 insieme a numerose altre sullo stesso argomento per soddisfare un pressante bisogno di attualità, di compiaciuto appiattimento nel presente, sino ad allora abbastanza estranei alla cultura italiana e propri invece di quella americana, ormai vincente dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Ecco il passo: «Sul piano interno, la società italiana, già negli anni Settanta, tendeva ai consumi individuali. Gli “elementi di socialismo” che Berlinguer avrebbe voluto introdurvi avrebbero frenato proprio il raggiungimento o il miglioramento del benessere fondato sui consumi che restava il principale obiettivo della maggior parte delle famiglie italiane».

Analisi corretta: Lepre non poteva saperlo ma un anno dopo la pubblicazione del suo libro Berlusconi avrebbe trionfato alle elezioni proprio proponendo agli italiani lo smantellamento del loro sistema di valori e l’abbandono della morale e delle tradizioni a vantaggio dell’individualismo edonista e consumista.

Perché ne parlo trent’anni dopo?

Perché l’Italia non potrà mai riscattarsi e iniziare un nuovo Risorgimento senza prima riconoscere le proprie responsabilità collettive: non è colpa della politica, dei cattivi maestri, di un destino cinico e baro, neppure di Berlusconi; sono stati gli italiani come popolo a decidere di diventare una brutta copia degli Stati Uniti, ad accoglierne le catene commerciali, lo stile di vita, i modelli di comportamento, l’ossessione per le novità, oltre alla correttezza politica e alla necessaria percentuale di minoranze per consentire a una destra che non vuole conservare niente di fingersi conservatrice e a una sinistra che non vuole cambiare niente di importante di fingersi progressista.

Quanto a coloro, penso numerosi, che in fondo non apprezzavano il nuovo corso e il modo in cui venne imposto al paese, se ne sono stati zitti: era ed è poco di moda mettere in discussione le liberalizzazioni e l’ideologia del piacere, si rischiava e rischia di apparire arretrati, superati, nostalgici, cosa intollerabile per giovani cresciuti nell’Italia da bere e di non più giovani lì invecchiati ma incapaci di accettarlo.

Per cambiare le cose occorrerà trovare il modo di far prendere coscienza alla gente: è sempre stato così e lo stesso liberismo si è affermato in quel modo, manipolando le coscienze.

Ma è un errore ignorare le difficoltà per farsi coraggio e, peggio, illudersi che gli italiani, inclusi quelli che si lamentano, siano pronti a cambiare.

Basta vedere il numero di bandiere ucraine sui balconi. Il liberismo resterà egemone finché se ne accetta il presupposto, che è la preminenza dell’individuo, col suo bisogno di realizzarsi e di esprimersi individualmente, di soddisfare i propri desideri personali senza curarsi delle conseguenze sociali e future.

L’alternativa richiederà dunque rinunce che a molti sembreranno sacrifici inaccettabili: porre limiti al bene privato in nome del bene comune (gli «elementi di socialismo» auspicati da Berlinguer mezzo secolo fa e rifiutati). Non sarà un pranzo di gala

* ripreso da Francesco Erspamer, professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ha insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy